Riepilogo dei protagonisti (post lungo).


Questo post ha piu' di 3 mesi. Il contenuto potrebbe essere obsoleto, non piu' completamente accessibile o mancante di alcune informazioni.

Parecchio tempo fa ho elencato, in questo post, i protagonisti degli episodi sulla vita di laboratorio che racconto di tanto in tanto. E' giunto il momento di aggiornare la lista visto che alcuni se ne sono andati e altri sono arrivati.
Dunque iniziamo con i componenti della vecchia guardia:

Pancetta1: Francese. Era PhD student fino a poco tempo fa, ma a Settembre ha finito e adesso è ufficialmente Post-doc. Si chiama Pancetta1 perché ha avuto una figlia ed è nuovamente incinta (di conseguenza ha una bella pancetta) e per distinguerla da Pancetta2 che ha avuto una figlia subito dopo Pancetta1.
Io e la moglie le abbiamo trovato anche un altro soprannome, ma per decenza non lo userò per il blog, perché mi pare che "F**a D'Oro" sia un po' troppo scurrile…
D'ora in poi si chiamerà solo "Pancetta" dato che Pancetta2 ha cambiato lavoro e non c'è possibilità di confusione.

Gioacchino: Francese. Post-Doc, generalmente rincoglionito forte, non c'è mai in laboratorio e non si sa dove vada. Quando c'è fa casino: musica alta, guarda film e/o Youtube, usa un computer (del laboratorio) da 1500 euro per giocare a giochini in Flash, salta, ride sguaiatamente, rompe le palle. Ha il contratto in scadenza a fine Dicembre e "pare" che abbia già trovato un lavoro (poveretto chi se lo prende).

La porcellina: Post-Doc Koreana di una certa età. Chiamata "La porcellina" per similitudine con "Il porcellino" il mio amico Koreano in America. Simpatica, si fa sempre e solo i cacchi suoi e per questo motivo casca sempre dalle nuvole e non sa mai niente di niente di quello che capita in laboratorio e/o di cosa c'è da fare.

Pompelmo: Francese, PhD student. Giovane, pimpante, salta come una cavalletta (nel vero senso della parola). Quando gli viene un esperimento saltella e batte le mani ridendo (no comment). E' tremendamente maldestro, si è tagliato svariate volte con: lame del criostato, coltello da pane, coltellino svizzero, lacci delle scarpe (si, davvero), fogli di carta, vetri, altro. Ha rotto diverse cose: cilindri graduati, vetri per apparecchi di elettroforesi verticale, etc. etc.
Ha altri 3 anni di dottorato davanti a sè. Spero che non muoia dissanguato prima…

Nostra Signora V. M.: Svizzero, è il tecnico del laboratorio. Ha una serie infinita di soprannomi che si è guadagnato senza alcuno sforzo. E' fondamentalmente un fancazzista, meno fa meglio è. E pure di fare poco, o niente, fa finta di essere impegnato parlando da solo, guardando il soffitto (davvero) e parlando da solo. Ah, anche guardando il soffitto. Risultato? Sembra autistico.

La NAT, detta il vicecapo: Americana, è la seconda in comando del laboratorio per diritti di anzianità. E' piuttosto chiacchierona per non dire pettegola, completamente incompetente con il computer, poco competente in laboratorio a meno che non si tratti di tecniche "datate".

Io e la moglie: Santi, bravi, belli, sempre perfetti. Bhe, non è proprio così, ma di certo ci sarà qualcun altro che parla male di noi due.
 

Passiamo ora ai nuovi acquisti:

Kacici: Giapponese, Post-doc di recente acquisizione. Non capisce niente di niente di Inglese e ovviamente non parla Francese. Nonostante cerchiamo tutti di comunicare con Kacici, non è assolutamente possibile. Il poveretto si è isolato sempre di più e parla pochissimo o quasi niente. Non c'è molto da dire se non che stasera torna in Giappone per due mesi. Speriamo che non si dimentichi quel poco di Inglese che ha imparato… tipo "hello", "thank you very much", "sorry" e "bye".

L'ofego: Belga, PhD student. L'ho chiamata "roito" in un recente post per la sua bruttezza. E' brutta, poveretta. Mi dispiace, ma è obiettivamente brutta. La prima impressione è che fosse una zecca. In realtà le cose stanno evolvendo e pare che sia meno zecca di quel che sembra. In ogni caso è piuttosto "interessata" a quello che dicono gli altri e/o quello che gli altri guardano sul proprio computer. L'esemplare è ancora sotto osservazione.

La Gioacchina: Svizzera, PhD student. Chiamata spilungona (è parecchio alta), è l'allieva di Gioacchino. Purtroppo sta prendendo da lui molti vizi e poche virtù. Non c'è mai, lavora male (perché Gioacchino le insegna male), ma almeno non fa casino come il suo mentore. Anche questo esemplare è ancora sotto osservazione.

Maxibon: Svizzera, master student. Il soprannome l'ha trovato la moglie ed è azzeccato: è nera come il cioccolato ed è "bon". Pare una "Naomi Campbel de noartri", un bel vedere, un po' svampitella, ma comunque tranquilla. Purtroppo ha avuto la sfiga di essere stata studentessa di Pancetta2 che l'ha abbandonata a se stessa. In pratica si deve arrangiare a fare tutto.

Martinetto: Francese, Post-Doc, arriva la settimana prossima. Ha collaborato con Pancetta2 in precedenza. In pratica si presentava da noi solo ed esclusivamente per chiedere in prestito anticorpi e farci pagare le ore che lui passava al microscopio per i suoi esperimenti (con la scusa che lui non aveva l'abilitazione…). L'esemplare sarà sotto osservazione non appena verrà catturato.
 

Gli scomparsi:

Pancetta2: se n'è andata… ma lavora ancora all'EPFL. E' tra i colletti bianchi dello stabulario. Ogni tanto si rivede.

Topetto: finito il dottorato, ora è in Germania per un Post-doc. Tanti auguri topetto, impara ora quello che non hai mai imparato nei quattro anni passati: bevi meno e lavora un po' di più!
 

Ecco, era ora di fare questo riepilogo mastodontico. Da domani riprendono le storie con questi protagonisti!

One thought on “Riepilogo dei protagonisti (post lungo).”

Leave a Reply