…e Berlino sta sempre 10 anni avanti, ecco qua… (Cit.)

Io, moglie e pollastro siamo andati a Berlino dieci giorni fa per registrare un JOVE, e ne abbiamo approfittato per incontrare un'amica, Bea, che vive lì da un po'.
Si parlava del più e del meno, cioè in pratica solo di come si stia all'estero. Inutili dire che si è parlato anche di valute, costi della vita, prezzi, etc. etc., le solite cose.

Sapete meglio di me che in Italia una pizza (in pizzeria) va dai 4 ai (bho) 10 euro?
Qui in Svizzerlandia non ne parliamo, che a meno di 25CHF per una margherita non si trova niente…
Bhe, a Berlino, in un ristorante TUTTE le pizze erano a 3.90€. TREEUROENOVANTACENTESIMI! Per una pizza buona, di grandezza normale.
Stesso prezzo per una porzione di lasagne al forno per il pollastro. Totale 16€ per acqua, una pizza, una insalatona, un piatto di lasagne, un dolce.

…e il giorno prima al ristorante Vietnamita abbiamo speso 45€ in 4 adulti più acque varie.

Se già noi ci sogniamo i prezzi Italiani, non oso immaginare i Tedescofoni che vivono qui in Svizzerlandia cosa debbano pensare!

pizza_diavola_berlino

Hacker boia!

Forse una o due persone avranno notato che per qualche giorno il blog è "scomparso". No, non mi sono dimenticato di pagare la registrazione del dominio. No, non ho deciso di chiuderlo (anche se ci scrivo oramai poco o niente).
"Semplicemente" qualche simpaticone ha deciso, a Luglio 2013, di hackerarmi un indirizzo email. Poco male, lo usavo talmente poco che me ne sono reso conto solo a Ottobre. 
Ovviamente non sono riuscito a recuperare la password (cambiata) nemmeno con le risposte segrete (cambiate).
Ho contattato la TIN che prima mi ha dato delle indicazioni sbagliate (mandare fax, scrivere così, scrivere colà) per poi scoprire che sarebbe bastata una telefonata al 187.
Chiamo, spiego la situazione e iniziano la procedura di sblocco e recupero che, però, non è mai andata a buon fine. In pratica quell'indirizzo è per ora ancora bloccato. Pace.

Cosa centra tutto questo con il blog?
Bhe, quello era l'indirizzo email di verifica della registrazione di questo dominio. Quindi non ho mai visto gli avvisi e non ho mai confermato alcunché. 
Fortunatamente oggi ho finalmente sistemato tutto.

E ora posso tornare a scrivere una volta ogni morte del papa!

Canone RAI.

E' da pagare? Non è da pagare? Chissenefrega…
Il punto è che quest'anno la campagna che stanno mandando in onda per ricordare di pagare il canone è, a mio parere, fantastica!

Questa è la mia preferita:

Per la cronaca: si, secondo me il canone va pagato e si, lo paghiamo "indirettamente" anche dalla Svizzera perché una parte delle tasse per la TV qui vanno alla RAI per il canone.

Philips Beardtrimmer 9000

Qualche tempo fa ho fatto una "recensione" di un portafogli che ho comprato on-line, questa volta tocca ad un regolabarba, il Philips Beardtrimer 9000.

Ho partecipato ad un progetto dell'Accademia della barba dove ho avuto la possibilità di scegliere di provare un rasoio elettrico Philips o un regolabarba. Ho optato per il regolabarba Beardtrimmer 9000.

Il progetto prevede di pagare una "cauzione" pari a 50% del prezzo dell'apparecchio con la possibilità di tenerlo a fine prova o restituirlo recuperando la cauzione.

L'ho provato, mi sono lasciato crescere la barba oltre la mia lunghezza standard per tagliarla e regolarla a piacere e devo essere sincero che va proprio bene. Prima usavo un tagliacapelli che "gratta" troppo e non permette di regolare la barba finemente. Ho anche provato un altro regolabarba che però non taglia una mazza. Questo Philips va benissimo a confronto!
Ha una testina girevole con una lama grande e una piccola utilizzabili alternativamente. La testina è regolabile in altezza e con i due "pettini" forniti in dotazione è possibile cambiare la lunghezza di taglio a passi di 0.2mm (!!!!).
La testina è, ovviamente, lavabile senza doversi preoccupare di togliere la batteria o altro.



La batteria è interna e ricaricabile: dura più che a sufficienza ed in ogni caso il beardtrimmer può essere usato anche con l'alimentatore fornito in dotazione.

La vera novità di questo prodotto, e il motivo principale per cui ho deciso di provarlo, è il puntatore laser. Si, non serve che leggiate due volte: questo regolabarba ha un puntatore laser che proietta una linea in corrispondenza della posizione della lama. Sembra banale, ma aiuta davvero a tagliare la barba con più precisione (per chi ha fantasia e vuole farsi un taglio alternativo è ottimo).

Alla scadenza della prova ho deciso di tenerlo. Funziona bene, finalmente non devo più scorticarmi col tagliacapelli e, visto che per un bel po' mi terrò la barba "lunga" mi sarà indispensabile!

photo (5)

Pe-ce-ce.

Il pollastro dice quattro parole in croce: "mamma", "papà", "si" e (qualche volta) "no". Ci dicono che è il bilinguismo, che quando partirà andrà come un treno, che poi non avrà problemi con Italiano e Francese, ma per ora si limita a questo.

Ciò non toglie che io e la moglie tentiamo e insistiamo costantemente.

Domenica sera, alle prese con il pollastro durante il bagnetto:

Filippo: "Pollastro, come si chiama questo?"
Pollastro: "Si."
F.: "Ho capito che lo vuoi, ma come si chiama? 'Sapone', ripeti con me, 'sapone'."
P.: "Pecece."
F.: "No, non 'pecece'! Ripeti, SA-PO-NE."
P.: "Pecece."
F.: "No, ripeti quello che ti dico!!"
P.: "Si."
F.: "Ok, allora, ripeti: SA…"
P.: "…sa…"
F.: "…PO…"
P.: "…po…"
F.: "…NE…"
P.: "…ne…"
F.: "Bravissimo!! Ora tutto insieme! SAPONE!"
P.: "PECECE"
F.: "Lasciemo perdere… proviamo con 'doc-cia', ripeti: 'DOC-CIA', dai!"
P.: "Pe-ce"
F.: "Vabbé… gioca dai…"

Bon… Chissà che se la cavi meglio in Francese…

Bellroy: slim your wallet.

Guardo raramente i banner pubblicitari finché giro su internet, ma due settimane fa una pubblicità mi ha, stranamente, colpito e ho deciso di cliccarci sopra.

Screen Shot 2013-11-27 at 22.32.30

Sarà stata la sobrietà del banner, la noia, la curiosità per il motto "slim your wallet", che ne so… ma sono finito in un negozio on-line di portafogli: www.bellroy.com. E il sito mi ha non solo stupito per come è fatto (veramente bene), ma anche per i prodotti che vendono… mi è piaciuto talmente che ho pure comprato un portafoglio nuovo. Bhe… ne avevo bisogno dato che il mio era pressoché distrutto.

Cosa mi è piaciuto del loro sito internet: 

– la pagina "slim your wallet" che in modo divertente "insegna" a ridurre lo spessore del portafoglio.
– i video di presentazione dei prodotti: fanno un bellissimo uso di time lapse photography accompagnato da musica azzeccata.

Quello che mi ha veramente convinto dei prodotti è che questi portafogli non hanno una taschina per le monete (ho un portamonete e comunque odio doverle portare con me) e riducono al minimo lo spessore in maniera intelligente: eliminano gli "strati di pelle" necessari per le tasche porta-carte semplicemente togliendole!
Ci sono meno tasche e l'idea è quella di mettere insieme le carte di credito e tessere poco usate lasciando in vista solo le 2-3 di uso frequente.

Ho ordinato un paio di settimane fa un "Hide&Seek HI version", compatibile con banconote di tutte le dimensioni, che è arrivato 2 giorni fa. 79€ spedizione inclusa.  

Ovviamente ho trasferito tutto (tranne la carta d'identità che è ancora in formato cartaceo e non ci sta) ed il portafoglio è davvero più piccolo e sottile. 

Che dire… sono davvero soddisfatto dell'acquisto e per una volta i banner pubblicitari sono risultati utili!

photo-1photo-2photo-4

Iniziamo bene…

La settimana è iniziata male ancora prima di cominciare:

– Domenica mi scrive una collega per dirmi che c'è una piccola contaminazione delle cellule che abbiamo in coltura in lab.

– Ieri appena arrivato al lavoro alla fabbrica di cioccolato, mi dicono che la contaminazione è ovunque: vado a vedere le cellule e decidiamo di buttare via tutto. Con le due colleghe puliamo tutta la stanza e sterilizziamo tutto tra una parolaccia in Italiano e una in Francese con qualche punta in Inglese per non farci mancare niente…
Pace, solo due settimane di lavoro e qualche soldino buttati nel cesso.

– Oggi porto il pollastro dalla babysitter e, appena riparto, la macchina non vuole saperne di muoversi. Col cambio (automatico) in Drive o Retromarcia non fa altro che "crencrhghreernncrerhnngrerreenenreh", proprio il rumore sconsolante di ingranaggi grippati. Chiamata concessionaria, assicurazione, carro attrezzi, alle 10.45 sono dal meccanico e alle 11.15 a prendere un'auto di cortesia (VW Golf TDI cambio DSG, full optional – niente male).
Oggi mi chiamano e mi dicono che l'albero della trasmissione è andato. A 41000 Km mi sarei aspettato  un cambio dell'olio, non un problemino del genere. Per fortuna che tra garanzia e assicurazione pagano tutto. Per Venerdì dovrei averla.

…e siamo solo a Martedì…

…ancora Gremlins martore…

Ecco. Come detto nel post precedente, ieri ho portato l'auto in officina sospettando un danno da martore. Alla sera sono andato a riprenderla e mi hanno detto che hanno fatto loro un errore quando hanno cambiato il cavo dell'ABS che era stato mangiato dalle bestie l'ultima volta. In pratica il cavo si è staccato e "vada in pace, non pagherà niente".

Ottimo. Salgo in macchina contento, parto per tornare a casa e, ad un chilometro da la maison si accende un'altra spia sul cruscotto.

IMG_3626

Bon. Porco qui e porco lì. Non è possibile. Arrivo in parcheggio, spengo tutto, leggo sul libretto d'uso e manutenzione dove c'è scritto che quella è la "spia di controllo dei gas di scarico" e che "…se la spia non si spegne dopo aver avviato il motore o se si illumina durante la marcia, significa che è presente un guasto in un componente del sistema di scarico. In tal caso la gestione motore seleziona un programma di emergenza che consente di proseguire fino all'officina autorizzata più vicina senza provocare danni."
Ottimo. Quello che ci voleva! Un'auto in modalità provvisoria.
Questa mattina torno in officina e il tipo di ieri mi guarda con occhi sbarrati e mi chiede cos'è successo. Gli spiego della spia, mi dice che "no, non va affatto bene" e di lasciargli la macchina che me la guardano e riparano in giornata.
Torno alle 17.45, parlo col tipo e mi dice che si, questa volta sono state davvero le martore. Mi mostra la foto di un tubo di gomma mangiato e mi assicura che è stato cambiato tutto e che chiameranno loro l'assicurazione per far pagare a loro.

Io ho il sospetto che un branco di Gremlins sia entrato nel cofano e stiano facendo festa con cavi e tubi di ogni genere…

Giuro che se mi capita ancora compro una tagliola e la metto sotto il motore!